M-TRAFFIC


PER I MANAGER E LE AUTORITA’ DI GESTIONE DEL TRAFFICO

I sistemi ITS piu’ avanzati dispongono di ampie banche dati storiche relative alla misurazione del traffico, alle prestazioni della rete in termini di mobilità veicolare (flussi, densità, velocità), ad anomalie ed eventi, all’occupazione dei parcheggi ecc. Buona parte di questi sistemi ITS non è stata progettata per l’elaborazione e la presentazione di una  vasta quantità di dati; ciò non consente di prendere facilmente decisioni immediate basate su elementi oggettivi e su dati significativi, come incidenti, eventi o interruzioni.

I più innovativi forniscono “cruscotti” (dashboards) di sintesi, disponibili anche su tecnologie touch-screen di ampie dimensioni che riproducono in forme visive avanzate (es. simili a termografie) gli indicatori chiave di performance, da cui si possono dedurre ad es. congestioni ricorrenti e la loro evoluzione, necessità di interventi infrastrutturali (chiusura di strade o nuove strade, parcheggi off-street).

M-TRAFFIC include inoltre funzionalità d’avanguardia: attraverso il data mining e tecniche di big data analytics combinate con modelli predittivi, viene offerto un eccezionale supporto alle mansioni dei Manager della Mobilità.  


PER GLI OPERATORI DELLA MOBILITA'

I più evoluti centri di gestione e controllo del traffico utilizzano i sistemi ITS per migliorare le infrastrutture e il monitoraggio in tempo reale della viabilità. Essi devono reagire alla dinamica within-day pur tenendo presente le informazioni di tipo storico (day-to-day). I tempi di intervento necessari sono pertanto più rapidi e quante più informazioni e da più fonti potranno essere prese in considerazione tanto più le strategie di controllo del traffico e di informazione per l’utenza potranno essere pro-attive:   

  • le strategie di gestione e controllo del traffico (incluse anche quelle adattative) usano, nella maggior parte dei casi, i dati rilevati dalle reti di sensori convenzionali o wireless; ciò al fine di monitorare lo stato del traffico e alimentare i modelli predittivi necessari alla sua gestione e controllo. In futuro useranno anche di ritorno le informazioni in tempo reale dai veicoli per prevedere code, congestioni e pianificare percorsi preferenziali ottimizzando la velocità di guida in funzione della previsione di attesa ai semafori e della loro sincronizzazione
  • nella gestione di eventi speciali (eventi sportivi o musicali, fiere), verranno supportate strategie di intermodalità (es. park&ride, preferenziazione di percorsi) attivando navette o linee speciali in funzione del reale carico o della domanda verso destinazioni predefinite. Queste strategie “situazionali” fino richiedono il coordinamento di molti attori nella gestione della mobilità;

M-TRAFFIC offre metodi più integrati che combinano architetture logiche smart per connettere database diversi con la potenzialità delle informazioni elaborate in tempo reale,  grazie a modelli predittivi della domanda e della distribuzione dei flussi sulla rete. Il pacchetto di applicazioni M-TRAFFIC comprende anche alcuni dati raccolti dalle attività in Rete della comunità (e.s. click-stream giornalieri su web o smartphones, informazioni dai servizi di check-in services dei social network, ecc.), che offrono opportunità senza precedenti di business analytics nel "dominio traffico".

 


PER GLI UTENTI

Le applicazioni e i servizi per gli utenti finali sono forse l’evidenza più eclatante dell’innovazione di Movalia: per accedere ad informazioni sulla mobilità, i cittadini dovranno sempre meno descrivere il contesto; saranno “guidati” verso scelte sempre più adeguate alle loro necessità.

Inoltre, uno degli aspetti caratterizzanti i servizi per la mobilità del futuro sarà la crescente capacità di utilizzare l’utente anche come “fonte” e non solo come destinatario dell’informazione. I servizi ITS avanzati fanno già ampio uso delle informazioni di velocità dei veicoli (floating-car data) ricavate dalle black-box o dalle interfacce M2M dei dispositivi a bordo dei veicoli e raccolgono inoltre i tempi di transito attraverso le interfacce blue-tooth degli smartphone. Attraverso questi contenuti è possibile migliorare significativamente il livello di monitoraggio e controllo dei flussi.